I cloni originali VCR

Dal 1960 i Vivai Cooperativi Rauscedo selezionano i propri cloni originali: una scelta strategica molto importante per porre a disposizione dei viticoltori, accanto ai cloni costituiti dagli Istituti di Ricerca Pubblica, un gran numero di selezioni proprie. Dopo il grande successo ottenuto con la serie “Rauscedo” che ancora oggi annovera al proprio interno degli ottimi cloni come il Cabernet Sauvignon Rauscedo_5, lo Chardonnay Rauscedo 8, il Sangiovese Rauscedo 24, il Sauvignon Rauscedo 3, ecc, dal 1990 è iniziata l’omologazione dei cloni “VCR”.

Questi ultimi biotipi si distinguono innanzitutto per il controllo sanitario che è esteso a tutte le entità virali più pericolose e diffuse nella vite ed in particolare al complesso dell’arricciamento, dell’accartocciamento e del legno riccio, e per la grande attenzione posta, a livello genetico, nell’identificazione di biotipi in grado di dare risposte quanti-qualitative adeguate alle esigenze della moderna viticoltura. Ma l’attività di selezione clonale dei Vivai Cooperativi Rauscedo non ha riguardato le sole varietà locali ed internazionali

coltivate in Italia ma anche quelle relative ai più importanti Paesi viticoli esteri. Già verso la fine degli anni ’80 è stato avviato un intenso lavoro di prospezione varietale in Grecia nei vitigni autoctoni più famosi quali Mandilari, Liatiko, Vidiano, Limnio, Moschofilero, Aghiorghitiko, in Serbia e Montenegro su Prokupac, Vranac, Kratošija e Krstac ed in Repubblica Ceca sulle varietà della Moravia che rappresenta la zona viticola per eccellenza di quel Paese e recentemente si è dato corso a lavori di selezione su varietà della Crimea e dell’Azerbaijan.

 

Varietà e cloni moltiplicati da VCR Clicca qui per visualizzare
la tabella in formato PDF
Clicca qui per accedere
al catalogo delle varietà